CHI SIAMO


La Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani Fiumani e Dalmati (FederEsuli) è un’istituzione che riunisce in un unico ambito diverse realtà associative nate in seno alla diaspora giuliano-dalmata del secondo guerra.

L’obiettivo essenziale della Federazione è la perpetuazione dell’identità culturale e storica delle Comunità istriane, fiumane e dalmate, quali si sono formate nella Venezia Giulia ed in Dalmazia attraverso la civiltà romano-veneta e italiana.

La Federazione provvede a tutelare i vitali interessi morali e materiali delle Comunità degli esuli istriani, fiumani e dalmati, dei loro discendenti e di coloro che mantengono un legame storico-culturale, sociale od ideale con l’Adriatico orientale.

A tale scopo la Federazione si propone di elaborare e gestire in comune le linee politiche d’azione sugli argomenti che riguardano l’intera Comunità degli Esuli Istriani Fiumani e Dalmati e su tutte le questioni che le Associazioni componenti decidono di affrontare insieme.

Gli ambiti di intervento della FederEsuli, attivati secondo le azioni intraprese dalle Associazioni federate, riguardano diversi aspetti, quali:

  • La tutela dei diritti civili degli esuli giuliano-dalmati e dei loro discendenti nel ricordo del sacrificio collettivo dell’Esodo.

  • L’assistenza sociale degli esuli giuliano-dalmati e dei loro discendenti curando, in maniera particolare, tutte le forme di assistenza ritenute necessarie e moralmente doverose per le persone anziane o in difficoltà.

  • L’istruzione e la formazione verso terzi in merito alla storia, alla cultura ed all’arte originarie della Venezia-Giulia, del Quarnaro e della Dalmazia in connessione con le vicende storiche, recenti o remote, che hanno visto la diffusione della cultura veneta nell’Adriatico.

  • La promozione e la valorizzazione dei beni culturali direttamente connessi con la storia dei popoli istriani, giuliani e dalmati presenti sul territorio nazionale oppure conservati nei luoghi storici di origine.

  • La promozione delle forme culturali direttamente connesse con le vicende storiche della Venezia-Giulia, del Quarnaro e della Dalmazia.

Le Associazioni federate conservano la loro piena autonomia programmatica ed organizzativa per la trattazione ed il conseguimento degli obiettivi previsti dai rispettivi statuti, coordinandoli con l’attività della FederEsuli.

Le Associazioni federate che compongono la FederEsuli sono:

Associazione Dalmati Italiani nel Mondo – Libero Comune di Zara in Esilio,

Associazione delle Comunità Istriane,

Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia,

Libero Comune di Fiume in Esilio,

Libero Comune di Pola in Esilio.

La FederEsuli è anche il referente del Governo nelle questioni di carattere istituzionale. La legge 72 del 2001 stabilisce gli interventi a tutela del patrimonio storico e culturale delle comunità degli esuli italiani dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia

(http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:2001;72)

L’articolo 1 stabilisce che:

“Ai fini di cui all’articolo 9 della Costituzione, la Repubblica tutela le tradizioni storiche, culturali e linguistiche italiane delle comunità istriane, fiumane e dalmate residenti in Italia, con riferimento agli usi, ai costumi ed alle espressioni artistiche, letterarie e musicali che ne costituiscono il patrimonio culturale popolare ed il legame storico con le terre di origine.”

Tale legge prevede lo stanziamento di fondi per l’esecuzione di progetti specifici.

L’articolo 4 precisa le linee di attuazione della legge ed i referenti:

“Lo stanziamento di cui al comma 3 è utilizzato mediante apposita convenzione da stipulare tra il Ministero per i beni e le attività culturali e la Federazione delle associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati, sentiti la Presidenza del Consiglio dei ministri e il Ministero degli affari esteri […]”

Dunque la FederEsuli è anche l’interfaccia amministrativa tra Stato e mondo dell’Esodo per quanto riguarda la realizzazione di (dall’articolo 2):

  1. Organizzazione convegni, mostre e seminari di studio.

  2. Istituzione e potenziamento di centri di documentazione sulle terre di origine e sulle vicende dell’esodo dalle medesime e dell’inserimento dei profughi giuliano-dalmati nella vita nazionale o nei Paesi di emigrazione.

  3. Iniziative tese alla valorizzazione e alla divulgazione, anche tramite stampa periodica, della storia, della cultura, delle arti plastiche e figurative, della musica, delle tradizioni linguistiche e dialettali neolatine, dell’artigianato e del costume delle regioni di provenienza.

  4. Organizzazione di manifestazioni e di incontri, volti a favorire il mantenimento di contatti culturali con le terre di origine.

In questo caso le Associazioni che beneficiano dei servizi resi dalla FederEsuli per l’esecuzione dei programmi previsti dal governo sono le seguenti:

Associazione Dalmati Italiani nel Mondo – Libero Comune di Zara in Esilio,

Associazione delle Comunità Istriane,

Associazione Nazionale Dalmata,

Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia,

Associazione per la Cultura fiumana istriana e dalmata nel Lazio,

Centro di Documentazione Multimediale,

Circolo Buiese ‘D. Ragosa’,

Circolo di cultura ‘Istria’,

Coordinamento Adriatico,

Fondazione Rustia Traine,

Istituto Regionale per la Cultura istriano – fiumano – dalmata,

Lega Nazionale,

Libero Comune di Fiume in Esilio,

Libero Comune di Pola in Esilio,

Madrinato Dalmatico,

Società Dalmata di Storia Patria con sede in Padova,

Società Dalmata di Storia Patria con sede in Roma,

Società di Studi Fiumani,

Società Istriana di Archeologia e Storia Patria,

Unione degli Istriani